lunedì 19 dicembre 2016

venerdì 25 novembre 2016

AVVISO PUBBLICO PER AFFIDAMENTO DI N. 3 INCARICHI ESTERNI


AVVISO PUBBLICO PER AFFIDAMENTO 
DI N. 3 INCARICHI ESTERNI: 

  • N.1 ESPERTO MADRE LINGUA INGLESE
  • N.1 ESPERTO PSICOLOGO PER LO SPORTELLO PSICO-PEDAGOCICO
  • N.1 ESPERTO FORMATORE NEL SETTORE GIORNALISTICO 
PRECISA CHE 1. I Progetti sono attivati solo successivamente all'accertamento delle risorse finanziarie necessarie alla loro realizzazione; 2. le attività sono realizzate con contributo volontario delle famiglie; 3. gli esperti di particolare e comprovata qualificazione professionale, attestata mediante la dichiarazione dei titoli attinenti all'insegnamento cui è presentato il contratto, possono presentare domanda di partecipazione alla selezione. 4. L'Istituto si riserva, di procedere al conferimento dell'incarico anche in presenza di una sola domanda, se pienamente rispondente alle esigenze progettuali, o di non procedere all'attribuzione dello stesso, a suo insindacabile giudizio; Inoltre si riserva la possibilità di modificare la durata, la periodicità, gli aspetti organizzativi, ecc. del progetto e di costituire un numero di gruppi meno numeroso o più numeroso, in relazione alle risorse economiche reperite 5. gli aspiranti dipendenti della Pubblica Amministrazione devono essere autorizzati e la stipula del contratto è subordinata al rilascio di detta autorizzazione. 6. Il Dirigente Scolastico sottoscrive i contratti con gli esperti esterni. L'entità del compenso è di 35 euro/ora lordo stato e omnicomprensivo (compreso tutti gli oneri fiscali). 7. L'incarico non costituisce rapporto di impiego e il pagamento sarà effettuato sulla base delle ore effettivamente svolte nell’ambito massimo consentito dal singolo progetto previa presentazione dei registri comprovanti le attività svolte. Per esigenze organizzative l'avvio del servizio potrebbe essere posticipato senza che l'aggiudicato abbia nulla da pretendere dall'Istituto Comprensivo, in questo caso slitterà automaticamente anche la conclusione del contratto; 8. Alla scadenza del contratto il rapporto è sciolto di diritto. E' facoltà dell'istituto recedere dal contratto nel caso di soppressione del servizio o variazione delle modalità gestionali dello stesso.

Le istanze indirizzate al Dirigente Scolastico dell'Istituto dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12,00 del giorno 12 dicembre 2016



Bandi, amministrazione trasparente, incarichi esterni

venerdì 18 novembre 2016

Misure di profilassi per il controllo della pediculosi nelle scuole

Misure di profilassi per il controllo della pediculosi nelle scuole.
        
            Al semplice fine di prevenire l’insorgere del fenomeno della pediculosi, che facilmente potrebbe diffondersi nella comunità scolastica, considerato che la responsabilità principale della prevenzione e del trattamento della pediculosi è della famiglia, i genitori sono invitati a controllare periodicamente il capo dei propri figli, onde accertarsi della eventuale presenza di pidocchi o di lendini ( loro uova).
Qualora il controllo dovesse risultare positivo, il genitore, anche sulla basa della Circolare Ministeriale della Sanità n°4 del 13/3/1998 che riporta “ in caso di infestazioni da p. humanus capitis, restrizione della frequenza  di collettività fino all’avvio idoneo del trattamento disinfestante, certificato dal medico curante” è tenuto a rivolgersi al medico di propria fiducia e a provvedere allo specifico  trattamento.
Quindi, per affrontare in maniera efficace il problema delle infestazioni da pidocchi nella scuola è necessario il contributo di genitori, insegnanti e personale sanitario. Ognuno deve svolgere il suo compito in maniera coordinata ed efficiente, secondo il seguente protocollo:
·      i genitori dei bambini che frequentano la comunità scolastica spetta la responsabilità principale della prevenzione e identificazione della pediculosi, attraverso un controllo sistematico e regolare dei propri figli. I genitori sono anche responsabili per le tempestive applicazioni del trattamento prescritto.
  • L’insegnante che nota segni di infestazione sul singolo bambino ha il dovere di segnalare la sospetta pediculosi al dirigente scolastico.
  • Il dirigente scolastico deve disporre l’allontanamento obbligatorio del bambino e inviare ai genitori una lettera in cui è richiesto un certificato medico o una autocertificazione di avvenuto trattamento ai fini della riammissione a scuola.
  • Il personale sanitario della ASL è responsabile per l’informazione e l’educazione sanitaria della popolazione in tema di prevenzione.
  • Il medico curante (Pediatra o medico di famiglia) ha il compito di fare la diagnosi, prescrivere il trattamento specifico antiparassitario e certificare l’inizio del trattamento per la riammissione a scuola”.
In considerazione dell’incremento del numero di casi di pediculosi si raccomanda, ognuno per le parti di competenza, di attenersi scrupolosamente alle indicazioni riportate nella presente.


                                                                                                                                            
L’allegato sulla prevenzione va letto agli alunni e consegnata copia al rappresentante di classe, che avrà cura di fornirlo ai genitori.

Le istruzioni sulla prevenzione saranno comunque disponibili sul sito della scuola.

Raccolta differenziata nelle classi

Oggetto: raccolta differenziata nelle classi
Al personale docente
Agli alunni
Ai collaboratori scolastici

Si ricorda a tutti che la raccolta differenziata è obbligatoria per legge      (D. Lgs. 152/2006 e seguenti), pertanto sono tenuti a differenziare i rifiuti prodotti tutti coloro che operano nella scuola o la frequentano (docenti, personale ATA, studenti, genitori, altri utenti esterni).
Al fine di garantire una più efficace salvaguardia del nostro ambiente, i docenti  inviteranno gli alunni a differenziare carta e indifferenziata negli appositi contenitori di raccolta;
ogni classe si doterà di un  alunno referente  ecologico, il quale avrà cura di far seguire ai compagni la corretta raccolta differenziata;
quotidianamente, il collaboratore scolastico provvederà alla pulizia delle classi e allo smaltimento dei raccoglitori di carta e indifferenziata e di fronte a casi di scorretta raccolta, comunicherà al dirigente scolastico la classe che non ha osservato tali indicazioni;
il dirigente scolastico provvederà a comminare le dovute sanzioni disciplinari al referente ecologico di turno.

Grazie per la collaborazione

Il dirigente scolastico